COME SARANNO LE CROCIERE DEL FUTURO?


COME SARANNO LE CROCIERE DEL FUTURO?

Data : 23-01-2020

Autore : Mirko Metitiero

In questi giorni la compagnia MSC Crociere ha realizzato uno studio su come saranno i viaggi (nello specifico le crociere) del futuro. Secondo i risultati, le crociere del futuro saranno lussuose, personalizzabili, immancabilmente connesse ed in grado di offrire esperienze capaci di arricchire i viaggiatori. Agli operatori turistici il compito di realizzare e fornire esperienze in grado di soddisfare i futuri  esigenti viaggiatori. Nel mondo turistico le crociere possono essere un ottimo veicolo per raggiungere tali obiettivi, attraverso le numerose innovazioni che poco a poco salgono a bordo delle moderne navi da crociera.

All’industria delle crociere l’arduo compito di progettare e realizzare nuove navi da crociera capaci di essere all'avanguardia nei prossimi 30 anni. Per tutto questo occorre avere fin da subito le idee chiare su quali saranno i trend più desiderati dai consumatori, in questo modo le prossime navi da crociera grazie a moderna tecnologia, design intelligente, rispetto dell’ambiente potranno sodisfare i futuri clienti.

Sotto questo aspetto, MSC Crociere può definirsi all'avanguardia grazie alla tecnologia di intelligenza artificiale ad attivazione vocale in grado di fornire un servizio agli ospiti. Ci riferiamo al primo assistente virtuale “ZOE” istallato sulle ultime unità della flotta, capace di interagire con gli ospiti in sette lingue differenti. A queste, a breve ne saranno aggiunte delle altre che consentiranno a “ZOE” di evolversi e diventare parte integrante dell'esperienza di crociera degli ospiti, anticipando le esigenze e personalizzando le informazioni sulla base delle preferenze di ciascun ospite.

Non solo assistenti virtuali, anche i nuovissimi spettacoli del Cirque du Soleil at Sea a bordo delle navi di classe Meraviglia sono un passo avanti, essi non hanno una lingua specifica, il che li rende accessibili e comprensibili da tutti. Inoltre sono un concentrato di creatività, maestria ed impegno per essere sempre originali, non a caso ogni esibizione è unica nel suo genere. Infine, alcuni di essi invitano il pubblico a partecipare, creando un esperienza unica di interattività per gli spettatori. Dal momento che i viaggiatori sono sempre più consapevoli dell'impatto ambientale prodotto dal loro viaggio, essi cercano opzioni di vacanza ecocompatibili, nel 2030 si porrà maggiore attenzione alla sostenibilità, all'impatto sociale e all'impegno civico. MSC Crociere si sta già impegnando a realizzare navi rispettose dell’ambiente consentendo di riflesso all’industria crocieristica, di posizionarsi come leader mondiale nello sviluppo di tecnologie di ultima generazione ecologiche. Dal 1° gennaio 2020 MSC Crociere è diventata la prima grande compagnia di crociere “CO2 neutral” ed  ha deciso di compensare tutte le emissioni di CO2 prodotte dalla flotta attraverso il sostegno di progetti per l’ambiente.

Per quello che riguarda le destinazioni, infine, i viaggiatori del futuro vorranno qualcosa di nuovo ed esclusivo, secondo lo studio questo aspetto porterà all’incremento dei “Repurposed Resorts”, ovvero trasformeranno luoghi disabitati o abbandonati in destinazioni esclusive, supportando e sostenendo le economie locali.

Un attuale esempio è Ocean Cay MSC Marine Reserve alle Bahamas, dove MSC Crociere ha lavorato per trasformare quello che era in precedenza un sito industriale in una destinazione turistica ecologica e sostenibile per gli ospiti. L'isola è stata sviluppata per creare un impatto positivo a lungo termine sia per quanto riguarda l’ambiente, sia per le comunità locali delle Bahamas. Il personale che vive e lavora sull'isola comprende infatti dipendenti locali a tempo pieno. Per la sua realizzazione sono stati scelti i migliori esperti per ricreare il fondale marino perimetrale dell’isola, in modo che possa ripopolarsi con una fauna marina florida. Inoltre presso Ocean Cay, sarà presente un laboratorio marino con finalità di ricerca, per studiare la resistenza dei coralli ai cambiamenti climatici, per condividerne in futuro i risultati della ricerca con altre isole caratterizzate da habitat similari.

In conclusione, per lo studio, la tendenza per il prossimo decennio è orientata a viaggi sempre più vicini alle esigenze degli ospiti, alle aziende il difficile compito di creare esperienze uniche ed indimenticabili.

Image

Altre notizie dal Blog