Costa, il banco alimentare sbarca a Bari


Costa, il banco alimentare sbarca a Bari

Data : 21-05-2018

Autore : Carlo Mirante | Pazzoperilmare

Prosegue il progetto di collaborazione tra Costa Crociere Fondazione Banco Alimentare Onlus per il recupero e il riutilizzo a fini sociali delle eccedenze alimentari prodotte a bordo delle navi da crociera. Oggi, con lo scalo della nave Costa Deliziosa, Bari e? entrata ufficialmente nel programma delle donazioni alimentari delle navi Costa come primo porto nel Mar Adriatico.

Questo progetto consente la raccolta del cibo preparato, ma non servito, nei ristoranti delle navi e la suadistribuzione a organizzazioni locali che forniscono assistenza a persone in difficolta?. L’iniziativa e? partita a Savona il 15 luglio 2017 e a dicembre e? arrivata anche a Civitavecchia, permettendo di donare in 10 mesi (dal 15 luglio 2017 al 15 maggio 2018) un totale di 28.700 porzioni. Parte integrante del progetto e? l'estensione nel Mediterraneo non solo in Italia ma a livello internazionale, come confermato dalla recente implementazione nel porto di Marsiglia.

Image

Da oggi fino al 26 novembre 2018 Costa Deliziosa e? impegnata in crociere di una settimana nelle isole greche e in Croazia, che faranno scalo a Bari tutti i lunedi?. Ogni domenica precedente l’arrivo della nave a Bari, al termine della cena, verranno raccolti tutti i piatti preparati nelle aree ristorazione e non serviti agli ospiti, i cosi?detti “ready to eat”. I pasti saranno riposti in appositi contenitori di alluminio, che verranno sigillati e etichettati per garantirne la tracciabilita?, e poi conservati nelle celle frigorifere di bordo. Il pomeriggio seguente, dopo l’attracco della nave al porto di Bari, i contenitori saranno sbarcati e consegnati ai volontari del Banco Alimentare, che li porteranno presso la Fondazione “Opera Santi Medici Cosma e Damiano Bitonto - Onlus, una mensa che ogni giorno accoglie 120 persone, tra adulti indigenti e minori, in condizioni di poverta? socio-economica. La Fondazione ospita inoltre, presso una casa-alloggio, alcuni malati di HIV e presso una casa di accoglienza 36 donne in difficolta?, garantendo in totale circa 200 pasti al giorno.

L’onorevole Maria Chiara Gadda, proponente della cosiddetta “Legge Antisprechi”, portando la sua testimonianza ha affermato: “Il progetto di Costa Crociere, unico nel suo genere, e? un esempio virtuoso che coniuga il messaggio sociale del contrasto agli sprechi alimentari, con la sostenibilita? economica e ambientale del sistema. E? proprio il caso di dire in questa circostanza – ha continuato l’onorevole Gadda - che la legge 166 ha segnato un cambio di rotta, rappresentando ormai una sfida e una opportunita? per imprese ed enti del terzo settore dal punto di vista culturale e progettuale. Quando realta? imprenditoriali come Costa Crociere decidono di avviare percorsi come questo, giunto ormai alla quarta tappa, significa che il tema del contrasto allo spreco e la solidarieta? sono entrati a pieno titolo nelle politiche aziendali”.

Il Sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha dichiarato: “Sprecare il cibo e? davvero una delle piu? grandi ingiustizie di cui ci rendiamo colpevoli ogni giorno. A volte distrattamente buttiamo via del cibo non consumato senza pensare a chi ogni sera si mette in fila davanti ai banconi delle mense cittadine per un pasto caldo. Puo? sembrare retorica, invece succede davvero che durante le ore di pranzo e cena di ogni giorno, festivi compresi, ci

page1image1699952page1image3799392page1image3799600
page2image3805568page2image3803776

siano centinaia di persone che chiedono di poter mangiare. Fortunatamente la nostra e? una comunita? capace diprendersi cura dell’altro e, grazie alla collaborazione con tante realta? associative, con la rete del privato socialelaico e cattolico e grazie agli sforzi di tante imprese private che operano sul nostro territorio, riusciamo agarantire un'offerta dignitosa a chi ha bisogno. Se si ha l’opportunita? di visitare una di queste mense ci si rendeinevitabilmente conto di quanto sia sbagliato sprecare cibo, e in questa luce appare ancora piu? importantel’iniziativa intrapresa da Costa Crociere. Abbiamo sempre detto che i crocieristi rappresentano una ricchezza per la nostra citta?, ma fino ad oggi ne abbiamo valutato l'impatto soltanto in termini turistici e ricettivi: da oggi, grazie a questo progetto, potremo dire che le crociere non si limitano ad attraccare al nostro Porto, per fortuna in numero sempre maggiore, ma entrano nel cuore della citta? e se ne prendono cura".

“Siamo davvero orgogliosi di proseguire con questa iniziativa, impegnandoci ancora una volta nella lotta controlo spreco alimentare. Dopo aver promosso il progetto a Savona e Civitavecchia, abbiamo deciso di coinvolgere Bari, un altro porto italiano importante per noi, dando un segno concreto dell’impegno di Costa Crociere e di unpartner autorevole e punto di riferimento come Banco Alimentare Onlus” – ha dichiarato Giuseppe Carino, Vice President Guest Experience di Costa Crociere – “La nostra volonta? e? quella di estendere l’iniziativa ad altre navidella flotta e ad altri porti di scalo nel Mediterraneo, cosi? da donare alle persone piu? bisognose il cibo in eccesso. Ancora una volta ci teniamo a ringraziare e sottolineare il lavoro svolto dall’Agenzia delle Dogane,dalla Sanita? Marittima nella messa a punto delle procedure di conferimento e da tutti quegli attori che hannoreso possibile questo progetto.”

Ugo Patroni GriffiPresidente dell’Autorita? di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale, ha dichiarato:Abbiamo fortemente voluto che Bari fosse il primo porto dell’Adriatico a sostegno di un’iniziativa cosi? lodevole. Lo spreco alimentare e? una contraddizione economica e sociale della nostra era. Mentre 1 terzo di tutti gli alimenti prodotti viene sprecato, aumenta il bisogno di incrementare la produzione per nutrire una popolazione che nel 2050 raggiungera? i 9 miliardi. Gli ospiti della Fondazione “Opera Santi Medici Cosma e Damiano BitontoOnlus” - conclude Patroni Griffi- usufruiranno di pasti ready to eat di eccellente qualita?, un aiuto sostanziale per gli operatori della struttura che quotidianamente devono affrontare enormi difficolta? per garantire l’assistenza a una comunita? cosi? numerosa.”

“Siamo fieri della collaborazione con Costa Crociere, che cresce e valica i confini nazionali” – dichiara Andrea Giussani, Presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus – “L’inizio dell’attivita? di recupero dal porto di Bari, che si aggiunge alla tappa di Marsiglia, recentemente inaugurata dai colleghi del Banco Alimentare francese, e? il raggiungimento di un traguardo importante per Banco Alimentare. Il recupero richiede una grande attenzione e cura e uno sforzo logistico: siamo pero? orgogliosi che questo impegno si trasformi in pasti per gliospiti della mensa dell’Opera Santi Medici Cosma e Damiano, che possono gustare cibi raffinati e altamente nutritivi, frutto del lavoro di grandi chef".

Il Presidente della Fondazione “Opera Santi Medici Cosma e Damiano Bitonto-Onlus”, don Vito Piccinonna,ha dichiarato: “200 pasti al giorno sono la cifra del nostro impegno nei confronti di famiglie, singoli individui e minori a rischio di devianza che giornalmente condividono il momento del pranzo. Da 25 anni il nostro motto e?fare bene il bene” che si traduce nel cercare sempre e comunque di offrire servizi di qualita? perche? i poveri ci ri- chiamano ad un supplemento di impegno e di attenzioneQuesta partnership con Costa Crociere e con la Fondazione Banco Alimentare dimostra che mondi ed interessi diversi tra loro sono in grado non solo di dialogare, ma anche di cooperare e progettare percorsi virtuosi per contrastare la poverta? e per cercare di limitare lo spreco di cibo. A Costa Crociere e alla Fondazione Banco Alimentare Onlus va non solo il nostro grazie, ma anche il grazie corale di quanti vivono in condizioni di estremo bisogno che, a partire da questa sera, potranno usufruire di un cibo di elevata qualita?.

Il progetto di Costa Crociere e Fondazione Banco Alimentare Onlus, che si inserisce nel contesto di sostegno alla poverta? ed esclusione sociale, e? stato possibile anche grazie alla legge 166/2016 contro gli sprechialimentari e farmaceutici promossa dall’on. Maria Chiara Gadda ed entrata in vigore il 14 settembre 2016. Ilprovvedimento riorganizza il quadro normativo di riferimento che regola le donazioni degli alimenti invenduti con misure di semplificazione, armonizzazione e incentivazione, permettendo di donare qualsiasi tipo di bene alimentare con piu? facilita? e in maniera altrettanto controllata e sicura, ma soprattutto stabilisce la priorita? del recupero di cibo da donare alle persone piu? povere del nostro Paese.

Altre notizie dal Blog